Prima Edizione - 2015/2016

La prima edizione del Master GIScience e Sistemi a Pilotaggio Remoto per la gestione integrata del territorio e delle risorse naturali dell’Università degli Studi di Padova si è svolto durante l’A.A. 2015/2016.

INDIRIZZI
1) Produzione e gestione della geo-informazione;
2) GIScience per la gestione dei conflitti ambientali e la partecipazione nelle decisioni pubbliche;
3) Cartografia e GIS per le green infrastructures;
4) Geo-informazione e nuove tecnologie per l’agricoltura sostenibile.

OBIETTIVI
L’aumento della disponibilità di informazione geografica e il rapido sviluppo di nuove tecnologie di gestione dei dati geografici (dai droni, ai WebGIS, al mobile-GIS) richiedono di aggiornare, riorganizzare ed elaborare processi decisionali in molti settori economici, della pubblica amministrazione e del no profit. Il Master intende preparare professionisti in grado di: utilizzare in maniera appropriata approcci interdisciplinari, soluzioni tecnologiche e informazioni geografiche nell’affrontare questioni territoriali complesse; acquisire, rappresentare e analizzare l’informazione geografica per diffonderne l’utilizzo esperto e il supporto nelle decisioni complesse; gestire la trasformazione delle tecnologie a supporto della GIScience orientando l’individuazione delle soluzioni appropriate per imprese, enti pubblici, cittadinanza.

Crediti: 60 CFU
Posti disponibili: 40
Lingua: italiano (alcuni seminari saranno tenuti in lingua inglese o spagnola)
Durata: annuale
Contributo iscrizione: 3.824,50 Euro
Master Interdipartimentale:
Dipartimento proponente: Ingegneria Civile, Edile e Ambientale – ICEA;
Dipartimenti concorrenti: Geoscienze; Scienze Storiche, Geografiche e dell’Antichità – DISSGEA; Agronomia Animali Alimenti Risorse Naturali e Ambiente – DAFNAE; Territorio e Sistemi Agro-Forestali – TESAF
Direttore: Massimo De Marchi – tel. 335 6846539
Informazioni: Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale
Via Loredan 20, 35131, Padova
REFERENTE: Massimo De Marchi
Telefono: 049 8275454
E-mail: massimo.demarchi@dicea.unipd.it

ISCRIZIONI
Scadenze iscrizione: 29 gennaio 2016, ore 12.30 (registrazione on-line), ore 13.00 (consegna della domanda cartacea)
Titoli di accesso: Lauree ante D.M. 509: tutti i corsi Classi delle lauree specialistiche D.M. 509: tutte le classi Classi delle lauree magistrali D.M. 270: tutte le classi R
Riconoscimento crediti: Il Comitato Ordinatore potrà riconoscere attività formative precedentemente seguite, purché coerenti con le caratteristiche del master ed attestate da idonea documentazione, fino ad un massimo dei 20 CFU. Il Comitato ordinatore può riconoscere inoltre fino ad un massimo di 12 CFU per esperienze didattiche, di ricerca e lavorative in ambiti pertinenti alle discipline del master, attestate da idonea documentazione. I CFU di cui sopra sono cumulabili fino ad un massimo di 20.
Selezione: Titoli Curriculum; Tesi; Altre Pubblicazioni; Altri titoli che il candidato ritenga utili Per partecipare alla selezione d’ammissione, il candidato dovrà allegare alla domanda una lettera indirizzata al Comitato Ordinatore del master, nella quale siano descritte in forma dettagliata le motivazioni che lo spingono a chiedere l’ammissione al corso e le eventuali aree che intende approfondire nell’ambito della GIScience, dei Sistemi a Pilotaggio Remoto, della gestione integrata del territorio e delle risorse naturali. Il Candidato dovrà indicare quale dei quattro indirizzi vorrebbe frequentare.
Criteri di massima per la valutazione dei titoli e la selezione Curriculum: 60 (punteggio massimo) Tesi: 20 (punteggio massimo) Altre Pubblicazioni: 10 (punteggio massimo) Altri titoli che il candidato ritenga: 10 (punteggio massimo) Punteggio Min/Max complessivo : min 50 – max 100
Agevolazioni: Nel caso si superi il numero di 20 iscritti saranno assegnati due premi dell’importo lordo di Euro 1.000,00 in base alla frequenza alle lezioni ed alla valutazione della prova finale.
Struttura alla quale il candidato deve consegnare la domanda: Segreteria di direzione Dipartimento di Ingegneria Civile Edile e Ambientale Via Marzolo 9, 35131, Padova Referente: Ghelli Filippo Orari per ricevimento domande: Lunedì – Venerdì 9.00-12.30

ORGANIZZAZIONE DEL MASTER
Frequenza obbligatoria: 70%
Frequenza: Le 336 ore di didattica si articoleranno in 25 settimane tra marzo e novembre 2016. Durante le prime 16 settimane (da marzo a luglio 2016) le lezioni si terranno il giovedì pomeriggio, la giornata del venerdì ed il sabato mattino (16 ore). Tra settembre e novembre (9 settimane) si terranno le lezioni di indirizzo per complessive 80 ore nelle giornata del venerdì ed il sabato mattino. Questa organizzazione della didattica potrà essere leggermente modificata (per esempio valutando la sostituzione del pomeriggio del giovedì con il pomeriggio del sabato) concordando un orario più adeguato tra docenti e partecipanti durante la prima lezione del master. L’attività formativa si completa con uno stage da realizzare con la supervisione di un docente del master presso uno dei Dipartimenti proponenti il Master o presso uno degli enti che hanno stipulato una convenzione di tirocinio con il Master.
Tipologia Didattica: Lezioni; Seminari; Stage
Verifiche di accertamento del profitto: complessiva per tutti gli insegnamenti
Prova finale: realizzazione di un progetto (webgis, Geodatabase, progetto GIS) e presentazione orale multimediale
Ulteriori informazioni: Ciascun indirizzo del master potrà essere attivato in presenza di un numero minimo di iscritti pari a 6, fermo restando il numero minimo di 10 iscritti previsto per l’attivazione del master. Sono previsti escursioni e attività di rilevamento su campo. I seminari sull’uso dei Sistemi a Pilotaggio Remoto si terranno presso l’aviosuperficie Colli Euganei in Via Favaro a Pozzonovo (PD). Escursioni, attività di campo ed esercitazioni con Sistemi a Pilotaggio Remoto dovranno tener conto delle condizioni meteorologiche che potranno modificare la programmazione anche all’ultimo momento. La direzione del Master non risponde quindi per eventuali disdette e cambi di prenotazioni che si rendessero necessari per la partecipazione alle attività di campo. É previsto uno stage da realizzare presso uno dei Dipartimenti proponenti il Master o presso uno degli enti che hanno stipulato una convenzione di tirocinio con il Master. In alternativa allo stage è possibile realizzare un project work da concordare con la direzione del Master. In convenzione con FTO Remotefly, azienda partner del master, quanti hanno completato il master potranno accedere al “Corso per Pilota SAPR (Sistemi Aerei a Pilotaggio remoto)” con lo sconto del 50% sul prezzo del “Corso per pilota SAPR”.

ATTIVITA’ FORMATIVE
Il master è articolato in 32 CFU di insegnamenti comuni, 10 CFU di insegnamenti di indirizzo e 18 CFU di stage. Sono previste 336 ore di didattica frontale, 714 ore di studio individuale e 450 ore di stage per un totale di 1500 ore, corrispondenti a 60 crediti. Gran parte della didattica sarà realizzata in aula informatica e/o con di computer portatili. Il Master adotta l’approccio dell’apprendimento in situazione, alternando lezioni dei docenti con esempi pratici e sperimentazioni immediate. Sono previsti escursioni ed attività di rilevamento su campo.

Insegnamenti comuni (32CFU)
Dalla geografia della complessità alla GISCience: territori, luoghi, paesaggi, sostenibilità (2CFU)
Dalla carta topografica al paesaggio fisico: interpretazione della geomorfologia (2CFU)
Biodiversità e servizi ecosistemi nella pianificazione del territorio (2CFU)
Storia della cartografia e uso delle carte storiche nelle ricostruzioni geo-storiche (2CFU)
Tra GPS professionali e mobile GIS: il rilievo ed i sistemi di riferimento per la cartografia (2CFU)
GIS: struttura, funzioni e modellazione dei dati territoriali vettoriali con QGIS (2CFU)
Raster analysis con ArcGis e QGIS-GRASS (2CFU)
GeoDatabase Open Source e strutture dati geospaziali con Postgresql/PostGIS (2CFU)
Progettazione e gestione di webgis (2CFU)
Telerilevamento: acquisizione dati e applicazioni in ambito geologico (2CFU)
Telerilevamento: applicazioni in ambito geomorfologico e per la gestione del territorio (2CFU)
Sistemi Aerei a Pilotaggio remoto, normativa e criteri per le operazioni (2CFU)
Sistemi a Pilotaggio Remoto per il territorio e la gestione delle risorse (2CFU)
Cartografia e GIS nella pianificazione territoriale (2CFU)
Participatory GIS e metodologie della decisione pubblica inclusiva (4CFU
Insegnamenti di indirizzo (10CFU)
Indirizzo 1 Indirizzo 2 Indirizzo 3 Indirizzo 4
Produzione e gestione della geo-informazione GIScience per la gestione dei conflitti ambientali e la partecipazione nelle decisioni pubbliche Cartografia e GIS per le green infrastructures Geo-informazione e nuove tecnologie per l’agricoltura sostenibile
Stage o project work (18CFU)

INDIRIZZI E SBOCCHI OCCUPAZIONALI

Indirizzo “Produzione e gestione della geo-informazione”

Insegnamenti di indirizzo
  • Modelli digitali del terreno e geomorfometria (2CFU)
  • Fotogrammetria digitale e structure from motion (2CFU)
  • Sistemi di rilevamento avanzati (2CFU)
  • Information Modeling and Management (IMM) in ambito building (BIM) e infrastructure (IIM) (2CFU)
  • Cartografia geotematica (2CFU)
Sbocchi occupazionali L’indirizzo forma figure professionali polivalenti esperte nella valutazione e gestione dell’informazione territoriale esistente e nella programmazione delle azioni necessarie ad acquisire nuova informazione, definendo le tecnologie più adeguate (in particolare il ruolo dei Sistemi a Pilotaggio Remoto) in base alle esigenze dell’organizzazione e dell’intervento da realizzare. Si tratta di professionisti nella GIScience che possono trovare sbocchi occupazionali nelle pubbliche amministrazioni, enti e imprese, Ong e Onlus in qualità di: esperti della messa a valore dei dati territoriali; esperti nella progettazione e gestione delle infrastrutture di dati territoriali; esperti a livello nazionale ed europeo delle politiche dell’informazione territoriale nel quadro della direttiva INSPIRE; esperti e responsabili GIS; analisti territoriali; esperti e responsabili di banche dati territoriali; esperti e responsabili marketing georiferito.

Indirizzo “GIScience per la gestione dei conflitti ambientali e la partecipazione nelle decisioni pubbliche”

Insegnamenti di indirizzo
  • Territori dei cittadini: geografia e GIScience per la gestione dei conflitti socio-ambientali (3CFU)
  • Digital Earth, voluntary geography e mappatura dei servizi ecosistemici (3CFU)
  • Mobilità e Trasporti: qualità dell’informazione e qualità delle decisioni (2CFU)
  • Paesaggi, reti ecologiche e reti sociali (2CFU)
Sbocchi occupazionali L’indirizzo forma figure professionali polivalenti esperte nella gestione dei processi decisionali inclusivi e dei conflitti ambientali localizzativi nel quadro dell’attuazione della cittadinanza territoriale sostenibile sancita dalla Convenzione di Aarhus e dalle politiche ambientali europee e nazionali conseguenti. Si tratta di professionisti nella GIScience che possono trovare sbocchi occupazionali nelle pubbliche amministrazioni, enti ed imprese, Ong e Onlus in qualità di: esperti nell’utilizzo della cartografia e del GIS per la visualizzazione ed elaborazione di scenari per la costruzione di scelte territoriali complesse; esperti nella gestione del crowdsourcing delle informazioni e delle conoscenze geografiche; esperti GIS e cartografia inclusiva nei processi di VIA, VAS, VIncA; esperti di visualizzazione cartografica nei processi partecipativi e nella gestione dei conflitti ambientali.

Indirizzo “Cartografia e GIS per le green infrastructures”

Insegnamenti di indirizzo
  • Progettazione delle green infrastructures (2CFU)
  • Mobilità e Trasporti: qualità dell’informazione e qualità delle decisioni (2CFU)
  • Geoinformazione e tecnologie applicate allo studio del movimento animale (2CFU)
  • Paesaggi, reti ecologiche e reti sociali (2CFU)
  • Cartografia geotematica (2CFU)
Sbocchi occupazionali L’indirizzo forma figure professionali polivalenti esperte nella progettazione delle green infrastructures (green and blue) nel quadro delle politiche integrate europee di conservazione della biodiversità e di lotta al cambiamento climatico. Si tratta di professionisti nella GIScience che possono trovare sbocchi occupazionali nelle pubbliche amministrazioni, enti e imprese, Ong e Onlus in qualità di: esperti nell’utilizzo della strumentazione della cartografia e del GIS per la visualizzazione ed elaborazione di scenari, la facilitazione del dibattito pubblico sulle alternative di progettazione e gestione delle green/blue infrastructures; esperti GIS nella progettazione di reti ecologiche e di connessioni tra aree protette; esperti GIS nella gestione del verde pubblico e nella connessione con le infrastrutture verdi; esperti GIS nella progettazione di corridoi ecologici terrestri e fluviali; esperti GIS nelle applicazioni della road ecology.

Indirizzo “Geo-informazioni e nuove tecnologie per l’agricoltura sostenibile”

Insegnamenti di indirizzo
  • Agricoltura di precisione ed applicazioni dei Sistemi a Pilotaggio Remoto (2CFU)
  • Interpretazione di immagini telerilevate per l’analisi fenomica delle piante (2CFU)
  • Monitoraggio del bilancio idrico e del carbonio in colture agrarie mediante tecniche avanzate di remote sensing e ground truth (2CFU)
  • Statistica spaziale e geostatistica per l’agricoltura sostenibile (2CFU)
  • Geoinformazione e tecnologie applicate allo studio del movimento animale (2CFU)
Sbocchi occupazionali L’indirizzo forma figure professionali polivalenti esperte nel trattamento della geoinformazione e delle tecnologie ad essa correlate per il miglioramento delle prestazioni ambientali dell’agricoltura e la diffusione di pratiche agricole sostenibili. Si tratta di professionisti nella GIScience che possono trovare sbocchi occupazionali nelle pubbliche amministrazioni, enti e imprese, organizzazioni di categoria in qualità di esperti nell’utilizzo della strumentazione appropriata per la gestione delle interazioni tra agricoltura ed ecosistemi, la valorizzazione e messa a sistema delle pratiche agricole sostenibili, a basso uso di input esterni e di energie fossili. Tra i possibili sbocchi occupazionali: esperti GIS; analisti territoriali; esperti nelle interazioni tra aree agricole ed ecosistemi; esperti nella progettazione e gestione di Farming Information Management Systems (FIMS).

CORSI SINGOLI

Corso CFU Ore didattica N. Max iscritti
Biodiversità e servizi ecosistemi nella pianificazione del territorio 2 Lezioni frontali: 16
Impegno individuale: 34
Ore totali: 40
20
Storia della cartografia e uso delle carte storiche nelle ricostruzioni geo-storiche 2 Lezioni frontali: 16
Impegno individuale: 34
Ore totali: 40
20
Participatory GIS e metodologie della decisione pubblica inclusiva 4 Lezioni frontali: 32
Impegno individuale: 68
Ore totali: 60
20
Information Modeling and Management (IMM) in ambito building (BIM) e infrastructure (IIM) 2 Lezioni frontali: 16
Impegno individuale: 34
Ore totali: 40
20
Agricoltura di precisione ed applicazioni dei Sistemi a Pilotaggio Remoto 2 Lezioni frontali: 16
Impegno individuale: 34
Ore totali: 40
20
Territori dei cittadini: geografia e GIScience per la gestione dei conflitti socio-ambientali 3 Lezioni frontali: 24
Impegno individuale: 51
Ore totali: 75
20
Digital Earth, voluntary geography e mappatura dei servizi ecosistemici 3 Lezioni frontali: 24
Impegno individuale: 51
Ore totali: 75
20