DSC00295

Rilievo APR al Centro Sperimentale per Modelli Idraulici

La terza uscita del Master relativa al corso Sistemi a Pilotaggio Remoto per il territorio e la gestione delle risorse dell’aa. 2017/2018 è consistita in un rilievo APR davvero inusuale. Si è trattato di un rilievo diverso dai precedenti perché è stato effettuato interamente indoor, ma soprattutto per il soggetto del rilievo, che ha rappresentato un’occasione unica per testare le potenzialità di questi versatili strumenti aerei. Il rilievo è stato infatti realizzato presso il Centro Sperimentale per Modelli Idraulici di Voltabarozzo (PD). Il centro ospita, fra le tante strutture, anche una costruzione industriale di circa 3 Ha, nella quale è custodito un modello della laguna di Venezia in scala, realizzato negli anni ‘70 ed utilizzato per numerosi progetti e studi sul modello fisico finalizzati alla salvaguardia di Venezia.

Aspetti tecnici del rilievo con drone
Prima del rilievo vero e proprio, è stata doverosa un’introduzione sulla storia e il funzionamento del modello idraulico, fornita dall’Ing. Matteo Volpato, che ha lavorato per anni nella struttura e ha delineato un quadro chiaro ed esaustivo ai corsisti, permettendo di contestualizzare il rilievo e di comprenderne il valore applicativo. Il modello riproduce l’intera laguna di Venezia in scala distorta, esaltandone gli elementi morfologici, e fa riferimento ad un rilievo della laguna effettuato negli anni ’30 con tecniche cartografiche tradizionali.

Il coordinamento delle attività didattiche è stato condotto dall’equipe del Master in GISscience e Droni: Prof. Massimo De Marchi (direttore del Master), Dr. Salvatore Pappalardo, Dr. Diego Malacarne, Dr. Guglielmo Pristeri e Dr. Federico Gianoli, mentre l’attività di rilievo topografico e APR e l’elaborazione dati è stata seguita dalla società partner Archetipo s.r.l. con il Dr. Cristiano Miele e il Dr. Antonio Sartini.

Dopo la parte introduttiva i corsisti hanno seguito e partecipato alle varie attività del rilievo: l’applicazione dei GCP, il rilievo topografico, il rilievo con drone e l’elaborazione dei dati. La prima operazione effettuata dai corsisti è stata quindi la disposizione dei punti di controllo a terra, in questo caso 9, seguendo le indicazioni del dott. Miele e del dott. Sartini. Una corretta disposizione è infatti fondamentale per una buona riuscita del rilievo ed una buna qualità del prodotto finale. In mancanza di copertura GPS, come nel caso del presente rilievo indoor, è stato necessario effettuare il rilievo topografico adottando un sistema di riferimento locale. In questa fase i corsisti, a turno, hanno potuto mettere mano sulla stazione totale 2LS Cygnus, provando di persona lo strumento ed effettuando le misure. Il rilievo APR è stato effettuato con il drone DJI Spark alleggerito, con peso totale inferiore ai 300g e pertanto utilizzabile per attività professionali anche senza patentino. L’attività di rilievo è stata compiuta proprio dai corsisti del Master, i quali hanno potuto prendere confidenza con con il drone e apprezzarne poi i risultati a lavoro compiuto. Conclusa l’attività di rilievo i corsisti si sono trasferiti presso la sede principale del centro sperimentale per effettuare le elaborazioni fotogrammetriche con il software Pix4D, ottenendo il modello 3D dell’area sorvolata, da cui è possibile apprezzare i microrilievi di canali, barene e altri elementi del modello della laguna.

Elaborazione fotogrammetrica
Elaborazione fotogrammetrica del Centro Sperimentale per Modelli Idraulici di Voltabarozzo