Credits: Francesco Ferrarese,  GISlab - Sezione di Geografia, DiSSGeA. Archivio di Stato di Firenze

246 carte storiche: I mille volti della grande guerra - Convegno al Bo

I mille volti della grande guerra – 5 giugno 2017

Convegno di studi sulla grande guerra, letta attraverso le ricerche e le pubblicazioni del Comitato di Ateneo per il centenario. La partecipazione è libera ma, per motivi organizzativi, è richiesta la preiscrizioni a comitatograndeguerra@unipd.it.

La sessione del pomeriggio è dedicata al volume di cartografia militare, 246 carte austro–ungariche, italiane e inglesi conservato nell’Archivio di Stato di Firenze e qui edita per la prima volta. Di queste carte – un vero tesoro cartografico – verranno analizzati aspetti come il contesto culturale e il sapere geografico e militare del tempo o quello che, a cent’anni di distanza, ancora resta sul territorio di quei segni minuti: si esporrà, inoltre, la relazione tra cartografia, geologia, geomorfologia e operazioni militari, la toponomastica e la sua importanza, così come i luoghi e la loro rappresentazione.

Scarica la locandina

Il Comitato d’Ateneo per il Centenario della Grande Guerra illustra in questa giornata di studi le ricerche prodotte dai propri studiosi su diversi temi tutti legati all’evento bellico che segnò in modo profondo e drammatico l’inizio del secolo scorso, condizionandone tutto il suo sviluppo storico, sociale ed economico.
Durante la sessione del mattino saranno presentati gli esiti di queste ricerche e il significato che a cent’anni da quegli eventi oggi riusciamo a cogliere, nella consapevolezza che i molteplici aspetti – come quelli peculiari della partecipazione femminile o delle forme artistiche legate e prodotte da quei tempi – sono comunque e ancora singole voci di una coralità storica così rilevante.

 

La sessione del pomeriggio sarà invece dedicata al volume di cartografia militare, 246 carte austro–ungariche, italiane e inglesi conservato nell’Archivio di Stato di Firenze e qui edita per la prima volta. Di queste carte – un vero tesoro cartografico – verranno analizzati aspetti come il contesto culturale e il sapere geografico e militare del tempo o quello che, a cent’anni di distanza, ancora resta sul territorio di quei segni minuti: si esporrà, inoltre, la relazione tra cartografia, geologia, geomorfologia e operazioni militari, la toponomastica e la sua importanza, così come i luoghi e la loro rappresentazione.

 

L’Aula Nievo è collocata all’interno di Palazzo del Bo, la storica sede dell’Università di Padova. Facilmente raggiungibile dalla stazione dei treni, da cui dista 1,5 km, il tragitto è servito dagli autobus n. 3 e n. 12 in transito o partenza dall’uscita della Stazione FFSS o dal tram che transita appena a destra della stazione FFSS. Sia con l’autobus che con il tram scendere alla terza fermata (con il tram la fermata è annunciata come “Riviera Ponti Romani”.

Credits: Francesco Ferrarese, GISlab - Sezione di Geografia, DiSSGeA. Archivio di Stato di Firenze
Credits: Francesco Ferrarese, GISlab – Sezione di Geografia, DiSSGeA. Archivio di Stato di Firenze